Palazzo Signorini - Ercolano

XIV Ed. Anno 2008 - Commissione

Home page - XIV Ed. Anno 2008 - Commissione

Alberto Basso, musicologo
Gia docente di Storia della musica, dal 1961 al 1974, e bibliotecario, dal 1974 al 1993, del Conservatorio di Torino, negli anni 1973-79 e 1994-97 è stato presidente della Società Italiana di musicologia. Nel 1986 ha fondato l’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte, di cui è presedente, e dal 1982 è accademico effettivo dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Nel 2004 ha ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Autonoma di Barcellona. Autore di numerosi saggi, è stato curatore del DEUMM (Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti) e dell’enciclopedia Musica in scena, entrambi pubblicati dalla UTET di Torino.

Alberto Paloscia, direttore artistico Teatro Goldoni di Livorno
Alberto Paloscia è direttore artistico del Teatro di Livorno-Comitato Estate Livornese dal 1990, oltre ad essere un musicologo e giornalista le cui ricerche sono rivolte particolarmente al teatro d'opera italiano fra Otto e Novecento, perseguendo la lodevolissima impresa di riproporre i titoli più desueti delle composizioni mascagnane dando cosi vita nel 1988 al"ProgettoMascagni". E’ autore di notevoli saggi tra cui spicca l’Epistolario di Pietro Mascagni. Nel luglio 2007, ha ricevuto il “Premio Circeo Lirica”.

Alberto Veronesi, direttore d’orchestra e direttore artistico Festival Pucciniano
Nasce a Milano e studia al Conservatorio Giuseppe Verdi diplomandosi a pieni voti in pianoforte, composizione e direzione d'orchestra, ha cominciato a dirigere concerti di musica contemporanea quando era ancora studente di Conservatorio. Nominato nel 1999 Direttore Artistico e Musicale della Fondazione Festival Pucciniano di Torre del Lago vi ha diretto il ciclo completo delle opere di Giacomo Puccini (Manon Lescaut, La bohème, Tosca, Madama Butterfly, Turandot, La Fanciulla del West, Suor Angelica, Il Tabarro, Gianni Schicchi) e ha contribuito a rilanciare la Fondazione nel novero dei maggiori Festival lirici nazionali. Nel 2003 l’allestimento de La Bohème con le scene di Jean Michel Folon ha vinto il premio “Abbiati” della critica italiana. Nel 2001 è stato nominato Direttore Musicale della Orchestra Sinfonica Siciliana con la quale sta affrontando il ciclo completo delle Sinfonie di Mahler, Beethoven, Bruckner e Shostakovich, e dove ha approfondito la musica sinfonica del 900 italiano. Dal 1992 al 2000 è stato direttore Artistico e Musicale dell’Orchestra Guido Cantelli di Milano, l’orchestra sinfonica residente al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, con cui ha affrontato in particolare Beethoven, Brahms, Mendelssohn, Berg. Con questa orchestra ha debuttato nell’aprile del 1996 al Festival di Pasqua di Salisburgo, su invito di Claudio Abbado, al Teatro alla Scala nel 1999, e nel 2000 al Maggio Musicale Fiorentino.In campo operistico ha debuttato allo Spring Festival del BAM di New York nel 1998 con il Falstaff di Antonio Salieri, ha debuttato al Tokyo National Theatre nel 2000 con Tosca, nel 2002 al Teatro d'Opera di Tel Aviv con Andrea Chenier, all’NHK di Tokyo con Madama Butterfly nel 2004. Nel 1998 ha inciso Falstaff di Antonio Salieri, per la Chandos Records, aggiudicandosi il secondo premio al Festival Discografico di Cannes 1999 nella categoria “Opera preromantica” e il primo premio “Koch 1999” di Monaco per la migliore incisione operistica dell’anno. Nel maggio 2006 esce la sua prima incisione per Deutsche Grammophon: Edgar di Giacomo Puccini con l’Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Placido Domingo nel ruolo protagonista. I progetti futuri con Deutsche Grammophon comprendono l’incisione de La Nuit de Mai di Ruggero Leoncavallo con Placido Domingo e l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, di prossima pubblicazione. Seguiranno un album pucciniano, I Medici di Ruggero Leoncavallo con Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino e La bohème sempre di Leoncavallo e Resurrezione di Franco Alfano. In campo sinfonico ha collaborato con artisti quali Salvatore Accardo, Aldo Ciccolini, Joaquín Achucarro, Patrick Gallois, Bruno Leonardo Gelber, Ivo Pogorelich, Anatoly Ugorsky, Pierre Amoyal, Boris Belkin, Gidon Kremer, Natalia Guttman, Katia e Marielle Labèque. Ha collaborato con importanti orchestre quali l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’orchestra del Festival dei Due Mondi di Spoleto, l’Orchestra Filarmonica del Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, l’Orchestra del Teatro Colón di Buenos Aires, l’Orchestra del Teatro Metropolitan di New York, la Tokyo Philharmonic Orchestra dell’ NHK di Tokyo.

Aleksandra Lazic – Labarile, soprano, direttore scuola alto perfezionamento lirico teatro Marruccino di Chieti
Sì è diplomata presso il conservatorio “Stankovic” a Belgrado . In seguito ha compiuto la sua formazione musicale sotto la guida del M° Stojan Stojanov Gancev (Zagabria). Ha frequentato corsi di perfezionamento, tenuti da M° Sesto Bruscantini, M° Giurgia Cakarevic e dal M° Olivera Migliakovic (Vienna).Dal 1983 è attiva quale solista protagonista presso il Teatro Nazionale dell’Opera di Belgrado, dove giovanissima debutta nel ruolo di Odabella in Attila di G. Verdi. Ha interpretato inoltre il ruolo di Micaela-Carmen , Mimì nella Boheme , Liù nella Turandot, Desdemona-Otello, La duchessa Elena- I Vespri Siciliani , Elvira-Ernani , Leonora ne Il Trovatore, Donna Elvira nel Don Giovanni ecc. Ha effettuato diverse incisioni radiofoniche nel RTS. E’ stata vincitrice e finalista di diversi concorsi lirici (concorso Pavarotti –Modena –1987). E’ stata definita “Una diva Verdiana di alto rango” da uno dei più grandi critici musicali S.Turlakov (1988) sul quotidiano Politica.Ha partecipato a Strasburgo alla sessione plenaria (maggio 1997), nel Parlamento Europeo come consulente per le azioni comunitarie in favore dell’arte e della musica. Ha tenuto concerti con i Solisti Aquilani, M° V. Antonellini, con il M° Nicola Samale e l’Orchestra sinfonica di Pescara . Ha svolto turnèes oltre che in Italia, nei Stati Uniti , Ungheria, Francia, Polonia, Australia, Norvegia. Belgio, Cina. Nel 2003 è stata nuovamente Odabella nell’Attila di Verdi, al Teatro Marrucino di Chieti, sotto la direzione del M° Nicola Colabianchi .Ha tenuto un concerto a Parigi, nell’ambito della manifestazione “Hommage à LA FIGLIA DI JORIO”. Ha tenuto un recital a Roma, a Palazzo Venezia. Su invito del Istituto Italiano di cultura ha tenuto a Boston un recital intitolato “Verdi forever”, nell’ambito della Festa della Repubblica (2005). Ha cantato nella “Passio et Ressurectio” di M° Sergio Rendine ( aprile 2007 ). L’artista alterna la sua attività teatrale, con concerti in diverse stagioni artistiche europee. Il suo repertorio spazia da Bellini, Verdi, Puccini, Mozart , Straus, Weber, Gounod, Poulenc, Biset, Wagner, fino agli autori contemporanei. Docente di numerosi seminari internazionali di alto perfezionamento, è membro di giuria di importanti concorsi lirici. Ha ricoperto l’incarico di direttore artistico dell’Ateneo Internazionale della Lirica di Sulmona. Attualmente ricopre l’incarico di Direttore della Scuola di Alto Perfezionamento Vocale del Teatro Stabile di Tradizione “ Marrucino “ di Chieti.

Alessandro Bonelli, musicista
E’ stato Responsabile Casting della Fondazione Arena di Verona , dall’anno 2001 all'aprile 2007 Segretario Artistico del Teatro San Carlo di Napoli, responsabile dellaprogrammazione artistica e casting.Dopo le dimissioni del Direttore Artistico Giandomenico Vaccari (Dicembre 2005, fino all'estate 2006), prende le mansioni di Direttore Artistico ad interim Durante questo periodo è chiamato a far parte della Giuria di diversi concorsi internazionali di canto come il Voci Verdiane di Busseto, del quale Josè Carreras è presidente. Durante gli anni 2000 e 2001 è Segretario Artistico presso il Teatro Carlo Felice di Genova dove assieme al Direttore Artistico Alessio Vlad, segue la stagione 1999 /2000 e programma la 2000/2001. Nell’anno 2000 la Casa Editrice Universitaria di Venezia pubblica i suoi primi due romanzi politici scritti sotto lo pseudonimo di Alfred Twice. Dal 1994 al 1996 è assistente del Direttore Artistico Marcello Panni presso la Fondazione Pomeriggi Musicali di Milano, dove segue la programmazione artistica, l’organizzazione dell’orchestra e cura le relazioni con direttori e solisti. Dal 1990 al 1993 è Segretario Artistico presso il Teatro la Fenice di Venezia, dove, assieme al Direttore Artistico John Fisher, si occupa di programmazione artistica, audizioni, concorsi e organizza le attività del coro, l’orchestra e l’archivio musicale. Dal 1977 al 1989 suona l’Oboe ed il Corno Inglese presso l’Orchestra del Teatro Giuseppe Verdi di Trieste. Durante questo periodo, è inoltre attivo nei seguenti ruoli: - Aiuta ad organizzare numerosi eventi musicali come il concorso annuale Castello di Duino, nel quale fa parte della giuria, accanto ad artisti di fama internazionale quale Lady Evelyn Barbirolli; - Lavora come consulente presso la Casa Editrice Musicale Zanibon di Padova; - Scrive diversi articoli che vengono pubblicati da riviste musicali specializzate in Italia, gran Bretagna ed America; - Suona ed è un membro fondatore del Collegium Tergestinum, ensemble specializzato in musica barocca; - Collabora con Patrick Shelley (Direttore Artistico) nelle attività di Dorset Opera; Dal 1970 al 1977 è primo oboe nel famoso gruppo internazionale I Solisti Veneti, suonando in tutto il mondo e per numerose registrazioni e trasmissioni radio e televisive. Durante gli anni 1969 – 1970 copre il ruolo di primo oboe nell’orchestra del Teatro La Fenice di Venezia e dal 1965 al 1967 suona nella Gulbenkian Chamber Orchestra di Lisbona. Allo stesso tempo, suona come solista e primo oboe in diverse orchestre da camera italiane come i famosi Virtuosi di Roma. Dopo aver compiuto gli studi musicali presso i Conservatori di Roma e Venezia, si diploma in oboe con il massimo dei voti nel 1964, insegnando poi nei conservatori di Venezia, Padova, Bolzano e Trieste.

Claire Gibault, direttore d’orchestra
Claire Gibault è nata a Le Mans e lì ha cominciato i suoi studi. Vince un premio di violino e di musica da camera al Conservatorio di Le Mans prima di entrare al Conservatoire National Supérieur di Parigi dove studia direzione d'orchestra, armonia, fuga e contrappunto. Dal 1976 al 1983 è Direttore Musicale dell'Orchestra da Camera di Chambery, poi dal 1983 a l 1989 è assistente di John Eliot Gardiner, allora Direttore Musicale dell'Orchestra dell'Opera nazionale di Lione. Nel 1995, ed è la prima donna in assoluto a farlo, dirige l'Orchestra della Scala di Milano in occasione della prima assoluta della Station Thermale di Fabio Vacchi, e nel 1997 l'Orchestra Filarmonica di Berlino, con Jacob Lenz di Wolfgang Rihm all'Hebbel Theatre. In seguito viene incaricata della direzione dell'Atelier Lyrique e della Maitrise dell'Opéra di Lione fino al luglio 1998, dove le vengono affidate numerose produzioni, da Gluck al repertorio contemporaneo. Dal gennaio 2000 al 2002 diventa Direttore Musicale di Musica per Roma , dove ha creato il Laboratorio Voci in Musica . Si rappresentano qui sotto la sua direzione Cosi fan tutte e Die Entfurung aus dem Serail di Mozart, Pollicino di Henze, Hänsel und Gretel di Humperdinck e West Side Story di Bernstein. Inoltre, dirige al Covent Garden di Londra, al Festival di Glyndebourne, all'Opera North, al Festival di Edimburgo, alla Bastille, allo Chatelet, all'Opéra Comique, oltre che a Nizza, Orléans, Nancy, Liegi, Roma e Bologna. È assistente di Claudio Abbado per Pelléas et Mélisande al Royal Opera House, alla Scala e all'Opera di Vienna. Nel novembre 2002 debutta all'Opera di Washington dirigendo Idomeneo con Placido Domingo nel ruolo del titolo.Nel febbraio 2003 dirige una prima mondiale al Maggio Musicale Fiorentino e nel marzo 2004 dirige per la prima volta la Filarmonica di Copenhagen. Nel 2005 adatta e dirige per il Théatre du Chatelet Pollicino di Henze. Claire Gibault ha diretto concerti in tutta la Francia, in Italia, in Svizzera, in Belgio, in Canada e negli Stati Uniti. È stata invitata da dall'Halle Orchestra, dalla Royal Scottish National Orchestra, National Symphony Orchestra d'Irlanda, dall'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, dall'Orchestre national de Belgique e dall'Orchestre Philarmonique de Liège. È direttore musicale assistente della nuova Orchestra Mozart di Bologna e deputato europeo membro della Commissione Cultura e Educazione e di quella per i diritti della donna e l'uguaglianza dei sessi. Claire Gibault è stata insignita del titolo di Officier des Palmes académiques, di Chevalier de l'Ordre national du mérite e della Légion d'honneur . Il 2 febbraio 2005 ha ricevuto la laurea honoris causa dall'Università Cattolica di Lovanio.

Cristian Sandri, Responsabile Casting Maggio Fiorentino

Gianni Tangucci, consulente artistico Teatro di San Carlo di Napoli
Pescarese di nascita inizia gli studi musicali al locale Conservatorio "G. Rossini", diplomandosi in pianoforte al Conservatorio "B. Marcello" di Venezia. Intraprende subito la carriera professionale in campo teatrale come Maestro Collaboratore al Teatro "La Fenice" di Venezia, dove nel 1970 ricopre mansioni artistiche ed organizzative, nel 1978 assume l'incarico di Segretario Artistico e nel 1981 di Direttore dell'Organizzazione Tecnico-Artistica.
Nel 1983 è Assistente del Direttore Artistico del Teatro alla Scala, dove collabora due stagioni.Nel settembre 1985 è nominato Direttore Artistico del Teatro Comunale di Bologna, carica che ricopre per le stagioni 1985/86 e 1986/87. Nelle stagioni 1987/88 e 1988/89 è Direttore Artistico al Teatro "La Fenice" di Venezia, dopo essere stato Consulente Artistico all'Opera di Genova. Dal settembre 1989 a tutto il 1995 è stato Vice Direttore Artistico del Teatro alla Scala di Milano. Dal 1987 al 1992 è stato inoltre Consulente Artistico al Teatro Comunale di Treviso dove, con la collaborazione e la direzione di Peter Maag, ha promosso e seguito il progetto "La Bottega" per giovani cantanti, legata al concorso lirico "Toti del Monte". Dal 1995 al 1998 è stato Consulente Artistico al Teatro Regio di Parma. Da gennaio 1996 a marzo 2000 è stato Direttore Artistico del Teatro Comunale di Bologna. Dall'aprile 2000 è stato Direttore Artistico del Teatro dell'Opera di Roma. Dal dicembre 2002 al 2006 è stato Direttore Artistico del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Dal 2005 è Consulente Artistico dell'Orchestra I Pomeriggi Musicali-Teatro Dal Verme di Milano. Dal 2007 è Consulente Artistico del Commissario Ministeriale al Teatro San Carlo di Napoli

Gina Guandalini, giornalista di RAI International e del periodico di Parigi Opéra-Magazine

Stefano Valanzuolo, giornalista de “Il Mattino”, e direttore artistico di Ravello Festival

Carlo Vitali, giornalista della rivista Amadeus

Joseph Hussek, direttore artistico della Staatsoper Hamburg
Nasce a Vienna, si laurea nella città natale in sociologia e politica. Dirigente per il progetto austriaco di ricerca e sviluppo dell’occupazione, dal 1980 al 1988, diventa coordinatore artistico nei teatri di Berna e Bonn. In collaborazione con Peter Ruzicka, dirige per nove anni l’ufficio di affari artistico del teatro dell’opera di Amburgo. Lavora dal 1997 al 2000 come sovrintendente dell’opera da camera di Vienna e per il festival “Mozart in Schonbrunn” e come presidente del concorso internazionale di canto Belvedere- Hans Gabor. Dal 2001 al 2004 è direttore artistico del festival di Salisburgo e dal 2005 del Teatro di Amburgo.
Mauro Trombetta, direttore artistico Teatro dell’Opera di Roma
Mentre compie gli studi classici e quelli medici, si diploma al Conservatorio di Torino in canto sotto la guida di Elio Battaglia, in composizione con Enrico Correggia e in direzione d’orchestra con Alberto Peyretti e Fulvio Vernizzi. Debutta a ventiquattro anni come baritono e per un decennio canta nei maggiori teatri italiani ed europea (Amburgo, Zagabria, Lugano, Vienna, Lilla, Nizza, Bologna, Roma, Torino ecc.). Contemporaneamente
è Maestro del Coro in diverse registrazioni discografiche e in concerti per la Rai di Torino e Roma, nonché in numerose stagioni liriche in Italia e all’estero (Novara, Savona, Susa, Bergamo, St. Etienne, Lyon ecc). Tiene inoltre concerti in qualità di Direttore d’orchestra ad Assisi, Torino, Lugano, Verona, Udine. Pubblica la raccolta di brani sacri inediti di Saverio Mercadante custoditi nell’archivio della Cattedrale di Novara. All’età di trent’anni inizia la carriera di organizzatore teatrale, diventando segretario artistico del Teatro Regio di Torino e in seguito Direttore dell’organizzazione artistica all’Opera di Roma, Direttore Artistico all’Arena di Verona, al Teatro Bellini di Catania e di nuovo all’Arena di Verona dove ha ricoperto tale carica sino al 2002. Dal 2003 sino ad oggi è direttore artistico del Teatro dell’Opera di Roma. È stato responsabile unico per sette stagioni al Teatro Carlo Coccia di Novara, per il quale ha curato le stagioni liriche e sinfoniche, nonché Direttore del Civico Istituto Musicale Brera della stessa città. Ha tenuto corsi e master class sulla vocalità e sulla gestione teatrale in Italia (Portogruaro, Pescara, Foggia, Lamezia Terme), negli Stati Uniti (Pittsburg, Palm Beach), in Islanda (Reijkjavik), Turchia (Istambul, Ankara) e in Germania (Bad Mergentheim) ed è presidente e membro di molte giurie internazionali (Pamplona, Madrid, New York, Roma, Spoleto, Monaco, Vienna, ecc.). Ha pubblicato testi sulla teoria della musica e sulla vocalità. È docente di canto al liceo musicale pareggiato A. Peri di Reggio Emilia.

Paolo Coni, baritono (presidente della giuria)
Debutta nel 1983 con “Lucia di Lammermoor”, vince il concorso Mattia Battistini, partecipando subito dopo alla produzione de “Il Corsaro” di Giuseppe Verdi per l'As.Li.Co. di Milano. Nei primi anni di attività interpreta opere quali il “Torquato Tasso” di Gaetano Donizetti, l'Orfeo di Monteverdi, “Semiramide” di Rossini, “Don Giovanni” e “Le Nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart. La sua carriera lo ha portato nei principali teatri d'Italia: Teatro alla Scala (tra le diverse produzioni da ricordare la serata inaugurale della stagione 90/91 con Don Carlo), Opera di Roma, San Carlo di Napoli, La Fenice di Venezia, Regio di Torino, Regio di Parma, Comunale di Bologna e di Firenze ed internazionali tra cui il Covent Garden di Londra, il Metropolitan e la Carnegie Hall di NewYork, Chicago, San Francisco, Tokyo, Shangai, Pechino oltre ai Teatri di Amburgo, Francoforte, Colonia, Berlino, Ginevra, Nizza, Marsiglia, Madrid, Barcellona, Atene, Varsavia, partecipando inoltre a importanti Festival quali Salisburgo, Orange, Lione, Radio France, Ravenna, Martina Franca. Con un repertorio che spazia da Donizetti a Bellini a Verdi ha tra le sue interpretazioni migliori opere quali “La Favorita”, “I Puritani”, “Ernani”, “Rigoletto”, “Nabucco”, “La Traviata”, “Un Ballo in Maschera”, “Simon Boccanegra”, “Don Carlo”, “Due Foscari”, “Macbeth”, “Luisa Miller”, “Falstaff, “Onegin”, per ricordarne solo alcune tra le quarantacinque debuttate collaborando con prestigiosi direttori quali Muti, Solti, Ozawa, Chung, Chailly ed importanti registi come Zeffirelli, Cavani, Ronconi, D'Annà etc. Recentemente la sua attività lo ha portato a cantare a Pechino e a Macao dove ha debuttato con successo nello Jago dell'Otello verdiano, a Bombay e Newcon Traviata e a Seoul con Nozze di Figaro (Conte d’Almaviva). Tra le incisioni discografiche ricordiamo “Manon Lescaut” diretta da R.Chailly, “Falstaff” e “Simon Boccanegra” diretti da Solti, “la Traviata” diretta da Muti con cui ha registrato anche “Don Carlo” e “Pagliacci”ed alcune registrazioni live di “Maria di Rohan”, ”La Favorita” ed “Ernani”. Sue sono anche due incisioni di Musica da Camera rispettivamente di arie italiane (tra cui Tosti, Brogi e Mascagni) e di arie di Liszt, Beethoven e Ravel. Recentemente è stato impegnato per una registrazione de “Le Nozze di Figaro” con l'Orchestra della Rai di Lugano. Tra i vari riconoscimenti artistici è da ricordare l'assegnazione del Premio Abbiati della Critica Musicale per l'interpretazione dei personaggi verdiani. Ha recentemente interpretato di nuovo il ruolo di Don Giovanni a Belgrado, di Germont ne “La” e di baritono solo in “Michelangelo” (Suite di Dmitrij Šostakovic su versi di Michelangelo Buonarroti) all'Opera di Roma. Recentemente è stato impegnato nel ruolo di Volfango nella prima esecuzione assoluta de “La Maschera di Punkitititi” di Marco Taralli presso l'Opera di Roma dove tornerà, per la stagione Estiva a Caracalla, per Madama Butterfly.

Valeria Esposito, soprano
Nata a Napoli, si è diplomata in canto, conseguendo contemporaneamente la Laurea in Lingue e Letterature Straniere (russo, inglese e francese); in seguito ha ottenuto diplomi di perfezionamento nello studio di inglese, tedesco, francese e spagnolo (Proficiency in English Studies, Grosses Deutsches Diplom, Diplôme Approfondi de Langue Francaise, Diploma de Espanol como Lengua Extranjera ). Parla correttamente 6 lingue e canta in italiano, tedesco, francese, russo, spagnolo ed inglese. Ha vinto concorsi internazionali quali il BBC Cardiff Singer of the World (1987), il Maria
Caniglia, il Bellini e l’As.Li.Co (1989). Fra i ruoli sinora interpretati figurano: Linda di Chamonix (Comunale di Bologna, Carnegie Hall di New York, Staatsoper di Vienna), Lucia di Lammermoor (Macerata Opera, Staatsoper di Vienna, Filarmonico di Verona, Verdi di Trieste, Capitole di Toulouse, Tokio Opera, Baltimore Opera, Massimo di Palermo) , Adina nell’Elisir d’Amore (Opera di Roma, S. Carlo di Napoli, Staatsoper di Vienna, Macerata Opera, Verdi di Trieste, Filarmonico di Verona), Marie nella Fille du Régiment (Scala di Milano, Comunale di Treviso, Comunale di Rovigo, Las Palmas de Gran Canaria) Rosina nel Barbiere di Siviglia di Paisiello (Petruzzelli di Bari), Gilda nel Rigoletto (Capitole di Toulouse, Santander, Colòn di Buenos Aires, Staatsoper di Vienna, Maestranza di Siviglia, Comunale di Rovigo e Opera di Pisa), Nannetta nel Falstaff (Capitole di Toulouse, Regio di Parma, Comunale di Ferrara), Violetta in Traviata (Festival di Carcassonne, Opera di Budapest), Amina nella Sonnambula (Welsh National Opera, Macerata Opera, Opera di Roma, Bellini di Catania, Massimo di Palermo),Elvira nei Puritani ( Liceu di Barcellona, Bellini di Catania) La Straniera (Capitole di Toulouse), Fiorilla nel Turco in Italia (Comunale di Bologna, Bellini di Catania), Königin der Nacht nello Zauberflöte (Staatsoper di Vienna, Berlino e Amburgo, Scala di Milano, Oper der Stadt di Bonn, Comunale di Firenze, Verdi di Trieste, Bellini di Catania, Liceu di Barcellona, Santander, Baltimora Opera, Maestranza di Sevilla), Konstanze nell’Entführung aus dem Serail ( Staatsoper di Vienna, Opéra di Toulon, Opera di Tenerife), Zerbinetta nell’ Ariadne auf Naxos (Bellini di Catania, Staatsoper di Vienna), Lakmé (Opéra di Toulon), Manon di Massenet (Opéra di Toulon, Verdi di Trieste) Olympia in Les Contes d’ Hoffmann (Opéra Bastille di Parigi, Fenice di Venezia, Scala di Milano, S.Carlo di Napoli, Staatsoper di Vienna, Bellini di Catania), Cunegonde nel Candide (Valli di Reggio Emilia), Madama Cortese Il Viaggio a Reims ( R.O.F. di Pesaro), Adele nel Fledermaus (Bellini di Catania), Musetta nella Bohème (Copenhagen), Clarice nel Mondo della luna di Haydn (S.Carlo di Napoli).Nel suo repertorio figurano inoltre anche le seguenti opere: Don Pasquale, Comte Ory, Oscar (Ballo in Maschera), oltre al ruolo di Folleville nel Viaggio a Reims, Capuleti e Montecchi, Romeo et Juliette, Barbiere di Siviglia, Pechêurs des Perles, Dinorah, Mignon (Titania) e Carmen (Micaela).Ha cantato fra gli altri sotto la direzione dei maestri Claudio Abbado, Spiros Argiris, Daniel Baremboim, Maurizio Benini, Daniele Callegari, Bruno Campanella, Giuliano Carrella, Riccardo Chailly, Bertrand De Billy, Ascher Fish, Daniele Gatti, Gianluigi Gelmetti, Leopold Hager, Lù Ja, Gustav Kuhn, Alain Lombard, Kery Lynn-Wilson, Enrique Mazzola, Peter Maag, Jun Markl, Enrique Mazzola, Riccardo Muti, Daniel Oren, Zoltan Pesko, Evelino Pidò, Eve Queler, Stefano Ranzani, Donato Renzetti, Sviatoslav Sutej, Marcello Viotti, Simone Young, Joseph Pons.Ha inoltre fra gli altri lavorato con registi quali: Pupi Avati, Henning Brokhaus, Filippo Crivelli, Hugo de Ana, Luca De Fusco, Roberto de Simone, Beppe de Tommasi, Costa Gavras, Renzo Giacchieri, Werner Herzog, Jonathan Miller, Roman Polanskj, Luca Ronconi, Jerome Savarj, Maurizio Scaparro, Fabio Sparvoli, Mattia Testi, Stefano Vizioli.Ha eseguito registrazioni radiofoniche e televisive per RAI 1,RAI 2, RAI International, Rai Trade, BBC, ARD, Antenne 2, Radio France, RTSI, Vara Radio.Ha inciso un cd di arie di G. Spontini per la Dynamic ed uno di lieder russi e canzoni napoletane per la Kikko Music, oltre al DVD dell’Elisir d’Amore di Macerata Opera della RAI TRADE e al DVD dei venti anni del BBC Cardiff Singer of the World.Ha conseguito i premi “La Siola d’Oro” , il “Gigli D’Oro” e “Sicilia: il Paladino”.Nel suo repertorio concertistico figurano Arie da concerto, Exultate,Jubilate e Messa in do minore di Mozart, Die Schöpfung di Haydn, Carmina Burana di Orff, lo Stabat Mater di Pergolesi e di Rossini, Concerto per coloratura e orchestra di Glière, lieder di Debussy,Cjaikovskij, Rachaminov e Spontini.Nelle ultime stagioni ha interpretato il ruolo della Regina della Notte nello Zauberflöte alla Scala di Milano sotto la direzione del M° Riccardo Muti, esibendosi successivamente nel ruolo di Nannetta al Comunale di Ferrara sotto la direzione del M° Claudio Abbado ed al Rossini Opera Festival di Pesaro nel Viaggio a Reims sotto la direzione del M° Daniele Gatti.Fra i prossimi impegni Fille du Règiment a Bologna, Elisir d’Amore a Genova, Lucia di Lammermoor a Toulon e Königin der Nacht nello Zauberflöte a Lecce e Wiesbaden, Rigoletto a Tel Aviv e Les Contes d’ Hoffmann a Baltimora.Nel dicembre del 2005 ha avuto il grande onore di cantare al Concerto di fine anno dal Quirinale per il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, trasmesso su RAI Uno.Altra sua grande passione è la letteratura e nel 2005 ha pubblicato il suo primo romanzo ambientato nel mondo della lirica “Spirto Gentil” presso la Prospettiva editrice.


Seeking similar to watch which will is often a put money into which include receiving auto for the niche containing men and women best possible style with the alleviate replica watches at this stage it can be moreover straightforward for those. If you're gob smacked hearing of which hereafter it happens to be suited of which similar to pricey rolex replica sale are available straight into your market place beyond the cost involving similar to rolex replica sale can be of which abnormal that will distinct can't seem to have the available income to the object. Rolex wristwatches are frequently no less than one which will anyone thinks hopes to get. Though seeing that all rolex replica sale are not capable to own cash to the object nearly as bad as it can be pricey selling price, there are several some other type of affordable alternatives using which you might get equivalent style, structure, fashion besides rolex replica which you may get if you last but not least accomplish bogus Rolex wristwatches.