Palazzo Signorini - Ercolano

XIV Ed. Anno 2008 - Rassegna Stampa

Home page - XIV Ed. Anno 2008 - Rassegna Stampa

Al via la XIV edizione del premio “Città di Ercolano”
settanta i giovani cantanti lirici in gara


Dal 24 al 28 settembre a Villa Campolieto

Prende il via il 24 settembre la XIV edizione del Concorso internazionale di canto lirico Città di Ercolano” già Zonta “Ritorna Vincitor” promosso dall’Associazione “I Solisti Napoletani” con il Comune di Ercolano e la collaborazione della Regione Campania, la Provincia di Napoli, l’ente Parco Nazionale del Vesuvio, TESS Costa del Vesuvio e l’Ente Ville Vesuviane. Cinque giornate, dal 24 al 28 settembre a Villa Campolieto, in cui i cantanti lirici in gara si disputeranno tre premi finali del valore di 2500, 2000 e 1500 euro, tre premi speciali, due dedicati alla canzone napoletana e uno per stranieri dalla UTET.
Quest’anno la manifestazione si arricchisce di alcuni eventi collaterali: l’istituzione di quattro borse di studio, ciascuna dell’importo di 500euro, per studenti-concorrenti di conservatori italiani o Istituti musicali equipollenti stranieri e l’assegnazione di borse di studio per la partecipazione al “Laboratorio lirico” volto a selezionare i ruoli in due opere, La Boheme e L’Elisir d’amore, per la stagione 2009 alle Ville Vesuviane di Ercolano. Saranno inoltre assegnate delle borse di studio a partecipanti stranieri e non campani per la partecipazione ad un corso di interpretazione della canzone napoletana della durata di 10 giorni nei mesi di ottobre e novembre 2008 ad Ercolano.
La grande novità di questa XIV edizione del concorso sta nelle giurie, più numerose e diversificate rispetto al passato: oltre a quella tecnica, presieduta dal baritono Paolo Coni che assegnerà i tre premi principali, ce ne saranno altre quattro. Una commissione di giornalisti musicali, composta da Gina Guandalini, Stefano Valanzuolo e Carlo Vitale, consegnerà il premio della critica “Alfredo Parente”, gli agenti e impresari teatrali italiani ed internazionali il premio speciale “Domenico Barbaja”, una giuria di 10 studenti dell’Istituto Tilgher di Ercolano il premio speciale “Giacomo Puccini” per la migliore interpretazione di un brano pucciniano,, e una giuria popolare composta da anziani esperti ed appassionati di musica presieduta dal soprano Maria Grazia Marchini che assegneranno uno dei due premi “Costiera dei Fiori – Ernesto De Curtis” per la canzone napoletana.
Si comincia mercoledì 24 settembre, ore 10, con le prove eliminatorie che continueranno fino a giovedì 25, mentre venerdi 26 dalle ore 10, si terrà la semifinale, sempre venerdi 26 alle ore 19,30 A Villa Signorini, ci sarà presentazione del libro di Gina Guandalini: Luciano Pavarotti - Il trionfo della voce, moderatore Laura Valente
Sabato 27 alle ore 12. al MAV Ercolano ci sarà l’inaugurazione della mini mostra sul tenore “ Enrico Caruso “ con l’esposizione di curiosità e oggetti personali del grande tenore provenienti dal museo di New York, visitabile fino al 04 ottobre.
Sabato 27, ore 19,00, si terrà la prova finale e la premiazione per la canzone napoletana, con ospite il tenore italo americano Carlo Vutera, la Corale Polifonica dell’Istituto A. Tilgher di Ercolano ed i primi ballerini del Teatro di San Carlo: Corona Paone, Sara Sancamillo, Luigi Ferrone, Fabio Gison.
Come ogni anno la finale del concorso, domenica 28 settembre, ore 19,00 a Villa Campolieto, sarà una vera e propria serata-concerto con i finalisti che canteranno accompagnati dall’Orchestra Collegium Philarmonicum diretta da Alberto Veronesi. Tanti gli ospiti della serata la etoile Carla Fracci, e Aldo Mancusi, direttore del Museo di New York dedicato a Enrico Caruso, che riceveranno il Premio “Città di Ercolano”, l’attore Lello Giulivo testimonial della serata, Carlo Morelli, i primi ballerini del San Carlo e il direttore ospite Gennaro Cappabianca.
Nel corso della serata finale, inoltre, saranno assegnati ulteriori premi speciali voluti dall’associazione “I Solisti Napoletani” e dedicati a celebri personaggi partenopei legati alla musica lirica e al concorso “Ritorna Vincitor”: tra i premiati il soprano Carmen Lucchetti direttore artistico della manifestazioni dagli albori, nel 1983 e Francesco Canessa, sovrintendente del Teatro di San Carlo per numerosi anni.


Premio “Città di Ercolano – Ritorna Vincitor”
Alessandro Scotto Di Lunzo è il vincitore.
Francesco Canessa riceve un premio speciale alla carriera.


Il tenore napoletano Alessandro Scotto Di Luzio è il vincitore della XIV edizione del Concorso internazionale di canto lirico Città di Ercolano” già Zonta “Ritorna Vincitor”. Con lui sul podio la soprano coreana Joung Sung Mi, al secondo posto e il baritono casertano Francesco Landolfi al terzo.
La serata finale del premio, promosso dall’Associazione “I Solisti Napoletani” con il Comune di Ercolano e la collaborazione della Regione Campania, la Provincia di Napoli, l’ente Parco Nazionale del Vesuvio, TESS Costa del Vesuvio e l’Ente Ville Vesuviane, si è svolta ieri nella suggestiva cornice di Villa Campolieto ed i 14 concorrenti in gara si sono esibiti accompagnati dall’Orchestra Collegium Philarmonicum diretta dal Maestro Alberto Veronesi.
Nel corso della serata Francesco Canessa, sovrintendente del Teatro di San Carlo per numerosi anni, e il soprano Carmen Lucchetti direttore artistico della manifestazione dagli albori, hanno ricevuto un premio alla carriera. Così come un premio è stato dedicato anche alla memoria dell’avvocato Mariano Apicella, anima storica del San Carlo, a significare l’impegno e la dedizione dei tanti che lavorano dietro le quinte ma che contribuiscono in modo pregnante al successo degli artisti e delle manifestazioni.
Grandi ospiti d’onore della serata sono stati la etoile Carla Fracci e Aldo Mancusi, direttore del Museo di New York dedicato a Enrico Caruso, anche loro premiati dal Concorso. A deliziare il pubblico con canzoni del repertorio classico napoletano Lello Giulivo, testimonial della serata, Carlo Morelli con arrangiamenti su temi di Giacomo Puccini e i primi ballerini del Teatro San Carlo, Corona Paone, Sara Sancamillo, Luigi Ferrone, Fabio Gison.
Ai cantanti lirici classificatisi ai primi tre posti sono stati assegnati premi del valore di 2500, 2000 e 1500 euro. Rosa Feola, soprano di Caserta, ha vinto ben due premi: quello della critica “Alfredo Parente” assegnato da una commissione di giornalisti musicali, composta da Gina Guandalini, Stefano Valanzuolo e Carlo Vitale e quello dedicato a “Giacomo Puccini” per la migliore interpretazione di un brano pucciniano, assegnato da una giuria di 10 studenti dell’Istituto Tilgher di Ercolano. I giornalisti hanno rivolto una nota di merito a Adriana Di Paola, mezzosoprano palermitana. Il premio speciale “Domenico Barbaja” della giuria di agenti e impresari teatrali italiani ed internazionali è andato al baritono coreano Park Joung Min.
Rosa Feola, Michele D’Abundo, Park Joung Min e Francesco Landolfi saranno i protagonisti de L’Elisir d’amore per la stagione 2009 alle Ville Vesuviane di Ercolano, Francesca Bellofatto, Koh Eun Hee, Alessandro Scotto Di Nunzio e Know Hyuck Jun i protagonisti de La Boheme.
Il primo premio “Costiera dei Fiori – Ernesto De Curtis” per la canzone napoletana è andato a Immacolata Iovine e il secondo a Salvatore De Crescenzo, entrambe napoletani.


Seeking similar to watch which will is often a put money into which include receiving auto for the niche containing men and women best possible style with the alleviate replica watches at this stage it can be moreover straightforward for those. If you're gob smacked hearing of which hereafter it happens to be suited of which similar to pricey rolex replica sale are available straight into your market place beyond the cost involving similar to rolex replica sale can be of which abnormal that will distinct can't seem to have the available income to the object. Rolex wristwatches are frequently no less than one which will anyone thinks hopes to get. Though seeing that all rolex replica sale are not capable to own cash to the object nearly as bad as it can be pricey selling price, there are several some other type of affordable alternatives using which you might get equivalent style, structure, fashion besides rolex replica which you may get if you last but not least accomplish bogus Rolex wristwatches.